Home Destinazioni Destinazioni Europa Europa Ungheria Ungheria Ungheria: Il conte Almásy Il conte Almásy

Il conte Almásy

Racconti e Articoli di Viaggio

Breve saggio sul conte Almásy, famoso cartografo, che ha lasciato una scia di miti e film, a cura di Marta Nemeth - Inviato il 14 gennaio 2004 da Marta Nemeth.

Il conte Almásy

Sito o fonte Web: www.guideviaggi.net Quando si entra nella leggenda, anche gli avvenimenti storiografici assumono altra considerazione. Tale assunto, certamente vale per il conte Almásy, famoso cartografo ungherese. Chi ha visto il film Il paziente inglese - premiato con nove Oscar e con due Golden Globe - crede che il conte sia morto in Italia, in conseguenza ad un incidente aereo sul finire della seconda guerra mondiale, avendo svolto in vita attività di spionaggio a favore dei tedeschi. Nella realtà invece le cose non andarono nella stessa versione del film.

Alla base della vicenda, c’è una bellissima storia d’amore. Il conte, rimasto coinvolto nelle vicissitudini della seconda guerra mondiale in terra straniera, al Cairo, dove si era recato per ricerche cartografiche, s’innamora - riamato - della moglie del suo amico, con cui divideva l’avventura della ricerca. Lei, ferita in seguito all’incidente causato dal marito - che nel suicidarsi tentò di ucciderli entrambi - rimase per alcuni giorni chiusa in un anfratto nel deserto, in attesa che l’amante giungesse con un medico e medicine per guarirla. Ma lui, il conte Almásy, non arrivò in tempo.

Rimase invischiato in uno scontro con alcuni pigri soldati inglesi ai quali parve incomprensibile il cognome e preferirono arrestarlo, anziché prestare attenzione alla richiesta di aiuto che un uomo, seppure malmesso dopo tre giorni di cammino nel deserto e con un cognome che suonava strano, chiedeva loro. Il conte riuscì ad evadere ed a tornare, usando i tedeschi, nel luogo dove aveva lasciato la sua amante, ma giunse tardi, troppo tardi. La trovò morta, e fra le mani aveva ancora il diario su cui gli aveva scritto, nonostante il buio, le ultime parole d’amore. Del conte Almásy - si pronuncia più o meno Oalmàshi - in Ungheria è rimasto solo il castello (oggi trasformato in elegante albergo) che domina su Kétpó, un piccolo centro all’inizio della Puszta, la Grande Pianura. Una regione a buon titolo considerata "lo specchio e la culla del popolo ungherese": dove un tempo la vita e la natura erano immersi nell'isolamento pressoché assoluto nel tempo e nello spazio, mentre ora, anche se non è più come allora, rimane il fascino di un ambiente dove la natura conserva risorse straordinarie. (Pubblicato il 14 gennaio 2004) - Letture Totali 52 volte - Torna indietro



Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Ungheria: tutti gli articoli/racconti Ungheria: tutti gli articoli/racconti
Budapest: una città, mille anime Budapest: una città, mille anime. C'è chi giura che la capitale magiara contenga in sé qualcosa di tutte le grandi città eur...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Budapest: una città, mille anime su Twitter
Budapest: una perla sul Danubio Budapest: una perla sul Danubio. Racconto e itinerario a zonzo per Budapest, di Andrea Gatti...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Budapest: una perla sul Danubio su Twitter
Art Noveau a Budapest Art Noveau a Budapest. Breve guida all'Art Noveau, presente massicciamente in Ungheria. Budapest, a cura di Marta...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Art Noveau a Budapest su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella