Home Destinazioni Destinazioni Europa Europa Georgia Georgia Georgia: Ritorno sulla via della seta Ritorno sulla via della seta

Ritorno sulla via della seta

Racconti e Articoli di Viaggio

Racconto di viaggio in Georgia, di Francesco Trecci - Inviato il 11 settembre 2009 da Francesco Trecci.

Ritorno sulla via della seta

Il viaggio di quest’anno lo attendevo da tanti anni. Ripercorrere qualche tappa dell’antica via della Seta. Questa strada era il collegamento commerciale tra l’occidente greco-latino e il lontano impero cinese.

Decidiamo di sbarcare a Tbilisi, capitale della Georgia. Ultimo baluardo della cristianità prima del mare asiatico-musulmano.

Arriviamo a Tbilisi che è notte profonda, all’aeroporto ci attendono i nostri amici. Percorriamo velocemente la nuova arteria che collega la moderna aerostazione con la città. Quant’è cambiata in 6 anni.

Allora era illuminata solo fino alle 23, dopodichè i monumenti si spegnevano nella profonda notte caucasica. Adesso no. Tutto brilla. La Madre Georgia imponente sulla collina, le chiese sul fiume. Il nuovo palazzo presidenziale sulla collina. E accanto la gigantesca Sameba, la seconda chiesa più grande del mondo Ortodosso, seconda solo alla cattedrale moscovita.

Luccicano i bei balconi arroccati sulle antiche mura e il Viale Rustaveli tutto ristrutturato, tornato forse ai fasti ottocenenteschi quando fu progettato e costruito dal governatorato russo del Caucaso. Questo grande Buolevard è il cuore pulsante della città. Qui i georgiani nel 1956 ersero le barricate contro la de-stalizzazione, nell’89 si scontrarono con le truppe dell’Armata rossa che trucidarono 19 giovani, nel 2003 protestarono contro Shevarnadze e nel 2007-2008 contro l’attuale presidente.

Andiamo a letto e la mattina iniziamo subito il tour cittadino. Passiamo di nuovo sul viale Rustaveli, con le sue aiuole ben curate e tutti i palazzi tornati ai colori originali. Arriviamo in Piazza della Libertà, dove adesso c’è un San Giorgio dorato che uccide il drago fino al 1990 svettava una statua di Lenin, di fronte il palazzo Comunale.

Si respira un’aria da grande capitale europea. Dietro il Municipio è tutta raccolta la vasta Città vecchia, tante strade e vicoli abbarbicati tra la collina di Narikala con la sua prode fortezza e la nuova città ottocentesca. La Old Tbilisi è cadente, popolare, asiatica.

Le case, tranne cinque o sei strade, sono malmesse... continua... (Pubblicato il 11 settembre 2009) - Letture Totali 192 volte - Torna indietro

0 Commenti - Voti : 1 Media :   Commenti

Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Georgia: tutti gli articoli/racconti Georgia: tutti gli articoli/racconti
Georgia Georgia. Impressioni e riflessioni di un viaggio consapevole in Georgia, di Francesco Trecci...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Georgia su Twitter
Sei leoni a Samarcanda Sei leoni a Samarcanda. Transasia: itinerario in auto attraverso Georgia, Kazakistan, Uzbekistan, Mongolia di Adal...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Sei leoni a Samarcanda su Twitter
Georgia Georgia. Passsaporto
Il passaporto deve essere valido per almeno sei mesi, ed avere due pagine...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Georgia su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella