Home Destinazioni Destinazioni SudAmerica SudAmerica Argentina. Patagonia Patagonia Argentina. Patagonia: Che ci faccio qui? Che ci faccio qui?

Che ci faccio qui?

Racconti e Articoli di Viaggio

I pensieri fioriscono, nella Patagonia Argentina, di Adolfo Carli - Inviato il 08 novembre 2007 da Adolfo Carli.

Che ci faccio qui?

Esistono tanti posti nel mondo dove l'esotismo, le belle spiagge, il mare turchese, i tramonti, il divertimento ed il relax sono assicurati e dove ogni immaginazione e fantasia del turista può e deve trovare forma. Ma in quale album guardare per desiderare partire per la Patagonia? Quello delle sterminate e desolate terre? Quello delle alte ed insidiose montagne? Quello delle imponenti ed impercorribili distese dei suoi ghiacciai? Cos'altro c'era di lusinghiero ed attraente da spiaccicare nell'album del turista, che poteva spingermi a partire?

Forse, dopo tanti anni passati a varcar confini e ad incontrar genti, non é più l'effimera emozione che fiorisce dalle immagini ad incitare la partenza. Allora che cos'è? Perché fiorisce negli occhi uno sguardo che m'invita a guardare oltre il mio territorio? Perché d'affollate faccende in tormento poi emerge, repentino ed irrefrenabile, l'entusiasmo a far sì che anche tutto il corpo desideri partire? Forse, quando rivivrò quei momenti che mi costringeranno a cercare il calore dei ricordi dei miei viaggi, allora saprò dirmi la verità che ancor non conosco. Forse, quando dovrò fermarmi e sedermi sulla riva del torrente per vederlo scorrere, tutto spruzzato dal suo tumultuoso fluire, allora mi farò raggiungere dalla mia anima, irrequieta, per l'eterna unione. Poi .. arriva il momento della partenza! Come in un rito, già conosciuto, che però si rinnova sempre e non nega né incertezze, né inusitate ed infantili paure, vivo anche, mio malgrado, la nostalgia!

Ora sono qui in Patagonia, in questo posto di là del mondo. In queste lande deserte, sterminate e battute dai venti dove, nelle notti d'estate, il cielo non è mai buio e lo spettacolo dell'aurora, con le sue spettrali e guizzanti luci, attrae ed intimorisce. In questa terra dove, in tempi remoti, arrivarono tanti stranieri per cercar oro e fortuna o per lasciar dietro misteri e miserie umane. Ora rimangono stranieri tra loro e condividono sperduti spazi, solitudini mai provate e silenzi laceranti, e la nostalgia per quel che hanno lasciato, nel tempo passato, li coglie ancora. Sono qui dove le strade possono essere diritte fin dove scompare l'orizzonte e dove si può restare orfani d'auditorio per giorni e giorni. Che ci faccio qui, in Patagonia? Sono qui in questa terra lontana dai clamori del moderno, ma esaltata dalla selvaggia e silente natura. Sono qui dove non devi rivendicare gli spazi per la solitudine. Sono qui dove facilmente sei sopraffatto dagli inquietanti silenzi.

Sono tornato dalla Patagonia dove, rapito dalla sua pace e dalle immensità degli spazi, ho vissuto per giorni e giorni, inusitati momenti di serenità e tregua con la mia irrequietezza. Sono tornato dalla Patagonia dove, testimone della mia impotenza umana, ho potuto scoprire che non conoscevo abbastanza bene le mie debolezze per poterle odiare. (Pubblicato il 08 novembre 2007) - Letture Totali 230 volte - Torna indietro

1 Commenti - Voti : 1 Media :   Commenti Leggi i commenti...

Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Argentina. Patagonia: tutti gli articoli/racconti Argentina. Patagonia: tutti gli articoli/racconti
Parque Nacional Torres del Paine Parque Nacional Torres del Paine. Racconto di viaggio in Argentina. Patagonia, di Adriano Socchi...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Parque Nacional Torres del Paine su Twitter
PATAGONIA: terra di armonie selvagge PATAGONIA: terra di armonie selvagge. I quaderni di Etnomusicologia sono una sorta di diario di vaggio con aggiunte rilevazioni ...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi PATAGONIA: terra di armonie selvagge su Twitter
Patagonia, ultima frontiera Patagonia, ultima frontiera. Reportage di un viaggio lungo 4.000 chilometri, dalla penisola di Valdez alla Terra del Fu...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Patagonia, ultima frontiera su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella