Home Destinazioni Destinazioni Asia Asia Birmania Birmania Birmania: La ex Birmania nel 1995 La ex Birmania nel 1995

La ex Birmania nel 1995

Racconti e Articoli di Viaggio

In giro per la ex Birmania nel 1995, un anno dopo che divenne Myanmar, di Luigi Cardarelli

La ex Birmania nel 1995

Zea era un ragazzo molto intelligente e ben educato, possedeva una toyota corolla e faceva il tassista nella povera e triste ma dignitosa città di Yangon. Avevo conosciuto Zea soltanto due ore dopo il mio arrivo in Myanmar (ex Birmania) all'uscita dello Strand hotel, dove mi ero recato a visitare i negozi di rubini e lo stile coloniale del palazzo.

Girai con il taxi per qualche giorno visitando la città, causa il basso costo della corsa, ma anche e sopratutto perchè non riuscivo affatto a trovare un posto decente per mangiare; alla fine incontrai il grande e frequentato Panda Restaurant, e di li non mi mossi più.

L'unica cosa di cui avevo sentito parlare a Yangon, oltre all'estrema povertà, era il palazzo del Karaweik,, splendido edificio a forma di dragone a due teste, simbolo dell'architettura kitsch e posto sul lago Kandwagy; quando ci andai per un aperitivo di sera per poco le zanzare non mi mangiavano vivo. Era febbraio e tra poco sarebbe arrivato il monsone, la temperatura era perfetta e non si vedeva una nuvola, un cielo terso, da cartolina.

Di notte con Zea da qualunque parte andassi, vedevo la fantastica cupola dorata della pagoda Shwedagon, tipico monumento della città e del Myanmar, con i suoi 700 q.li d'oro che splendevano nella dolce e tranquilla notte asiatica. Lasciai le scarpe fuori uno dei tanti ingressi e salii, ammirando dall'alto il bel "parco del popolo", tanti monaci con i loro mantelli arancione e tanta gente silenziosa a pregare, era anche domenica.Un gran profumo d'incenso fra le centinaia di statue del buddha e tanto misticismo e dignità; una misera carrucola portava le povere offerte verso lo "stupa", dove potevano entrare solo i servizi fotografici con permesso.

Il mio efficientissimo tassista trovò anche una bella piscina in un vecchio hotel che si specchiava nelle dolci acque di un laghetto ed in fondo due villette bianche, coloniali, sentii che una apparteneva alla sig. Aung San Suu Kiy, premio nobel e già a quei tempi agli arresti domiciliari. Avrei voluto tanto, proprio tanto, far visita alla signora Aung San, purtroppo era solo il secondo anno che si poteva entrare in Myanmar, non potevo rischiare quindi, con la giunta militare comunista, di finire i miei giorni proprio lì.

Ero solo con un amico e il tassista, ricco dei pochi dollari rimasti e delle mie conoscenze, in un paese dove gli uomini non portavano i pantaloni ma una coperta attorno alla vita, il sarong, e perdipiù ad est nella provincia dello Shan, c'era il "golden triangle", la famosa zona di coltivazione dell'eroina.

Ero a Pegu a visitare l'enorme statua di un buddha disteso, quando si avvicinò un vecchio con in mano una gabbietta e dentro un passerotto; mi disse che per un dollaro avrei potuto liberare il volatile. Gli detti due dollari, liberai il passero pensando intensamente alla signora Aung San: l'uccellino ha avuto la sua libertà ma la signora ancora no. (Pubblicato il 04 dicembre 2009) - Letture Totali 202 volte - Torna indietro



Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Birmania: tutti gli articoli/racconti Birmania: tutti gli articoli/racconti
Mingalaba, Thanakha e Buddha sempre con te! Mingalaba, Thanakha e Buddha sempre con te!. Mingalaba, Thanakha e Buddha sempre con te!, di Antonietta Peroni (cholita@email.it)...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Mingalaba, Thanakha e Buddha sempre con te! su Twitter
Sulle rotaie del Myanmar Sulle rotaie del Myanmar. Sulle rotaie del Myanmar, racconto dalla Birmania/Myanmar di Stefano Marcora...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Sulle rotaie del Myanmar su Twitter
Myanmar Myanmar. Racconto di un viaggio in Birmania con Avventure nel Mondo, di Alighiero Adiansi...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Myanmar su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella