Home Destinazioni Destinazioni Africa Africa Africa Africa Africa: Scontro sugli aiuti Scontro sugli aiuti

Scontro sugli aiuti

Ultime notizie: attualità per viaggiare informati

Febbraio 2005. Africa: scontro Usa e Europa sugli aiuti

Ultime notizie: Scontro sugli aiuti

Nonostante l'appello del leader africano Nelson Mandela, i Paese più ricchi del mondo sembrano nuovamente incapaci di mettersi d'accordo su come aiutare il continente africano a estirparsi dalla povertà.

I ministri delle finanze dei Paesi più industrializzati riuniti sotto il cappello del "G7" avevano dedicato alla vigiglia dello scorso week end buona parte della loro incontro allo sviluppo e all'Africa, ma senza raggiungere un'intesa che potesse soddisfare le parti. Poco prima della cena, Mandela aveva esortato i ministri a non darsi ulteriori scadenze "perché i poveri continuano a soffrire". Appoggiando al 100% il Piano Marshall proposto dal Ministro inglese Gordon Brown, Mandela ha invocato "un'azione su tutti i fronti".

Il Piano Marshall per l'Africa propone un annullamento del debito estero dei Paesi poveri e un raddoppiamento degli aiuti allo sviluppo (da 50 a 100 miliardi all'anno da qui al 2015). Questi aiuti si farebbero tramite un nuovo strumento, detto Facilità finanziaria internazionale attraverso il quale i Paesi ricchi garantiscono i prestiti dei Paesi in via di sviluppo.

Il meccanismo è stato sostenuto dai Paesi europei, ma rifiutato dagli Usa che giudicano l'Iff pone problemi di ordine giuridico. La proposta statunitense consiste piuttosto in sgravi del 100% del debito dei Paesi poveri più indebitati, la maggior parte dei quali africani.

L'annullamento del debito dovrebbe secondo Washington essere accompagnato dalla concessione di doni su un periodo tra i 5 e i 10 anni e di meccanismi destinati a misurare la loro efficacia sul terreno. "Gli Stati Uniti hanno aumentato in modo spettacolare i loro aiuti allo sviluppo" assicura il sotto segretario alle finanze John Taylor, passando da 10 a 19 miliardi di dollari dal 2000 e da 1,1 a 4,6 miliardi di dollari per quanto riguarda l'Africa.

Di fronte alle reticenze americane, Francia e Gran Bretagna non nascondo l'ipotesi di andare avanti con da soli unendo le proprie iniziative, quella di Brown e l'idea di tassa internazionale più volte evocata dal presidente francese Chirac.

Di fronte a questa nuova impasse politica, le Ong hanno lanciato un nuovo ultimatum. Questa volta è toccata all'Ong statunitense Jubilee USA: "Il tempo del discorso, della retorica e dei ritardi è giunto al suo termine. Giudicheremo il nostro governo e il G7 alla luce del loro impegno a sostenere un annullamento del 100% del debito multilaterale di tutte le nazioni poveri, senza condizioni devastanti". (Pubblicato il 09 febbraio 2005) - Letture Totali 127 volte - Torna indietro



Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Africa: tutti gli articoli/racconti Africa: tutti gli articoli/racconti
Primo sguardo su Bangkok Primo sguardo su Bangkok. Un breve racconto di una giornata passata nella capitale della Thailandia, di Sara Mazzola...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Primo sguardo su Bangkok su Twitter
L'isola delle tre Erre L'isola delle tre Erre. Racconto di Viaggio in Giamaica, di Benedetto Antonucci...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi L'isola delle tre Erre su Twitter
Quelli dell’Habib Quelli dell’Habib. Le emozioni, i ricordi e le riflessioni legate ad uno dei simboli cari a tutti gli europei...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Quelli dell’Habib su Twitter

Questo contributo e' frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprieta' Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...