Home Destinazioni Destinazioni Africa Africa Niger Niger Niger: La storia Twaregh La storia Twaregh

La storia Twaregh

Racconti e Articoli di Viaggio

Breve saggio di storia dei Twaregh del Sahara di Libia, Algeria e Niger, di Robo Gabr'Aoun - Inviato il 13 gennaio 2004 da Robo GabrAoun.

La storia Twaregh

Insediatisi nei massicci montani del Sahara Centrale intorno all’anno1 dell’era Cristiana, i Twaregh hanno subito due grandi invasioni Arabe, la seconda delle quali causò l’islamizzazione dell’etnia. E’ storicamente provato che i Twaregh fecero parte delle Armate di conquistatori che attraversarono lo stretto di Gibilterra per invadere l’Europa centro.Meridionale. Per tutto il periodo del Medioevo, la grande rete di carovaniere messa in opera dagli Arabi divenne per i Twaregh un’alternativa di sopravvivenza e, facendo del controllo del traffico commerciale (protezione e dazi) una delle loro primarie fonti di reddito. Espandendosi poi fino al Sahel a sud, alla regione di Timbouctou ad ovest ed al Kanem ad est, i Twaregh non subirono alcuna influenza da parte del mondo occidentale.

Essi stessi si diedero ai commerci trafficando sale (le saline del Niger, le Teguida e le saline del Kaouar erano tutte sotto il controllo dei Twaregh) con i grandi Regni neri del Sud e schiavi, questi ultimi quasi sempre preda di razzie in Sahel. Città come Timbouctou, Agadez, Ghat, Gadamesh, Tindouf ebbero lustri di splendore in epoca oscure per l’Occidente Cristiano. Fomentati anche dai racconti dei primi esploratori delle sabbie, la conquista di facili ricchezze spinse poi gli Europei a scendere in Sahara, l'inizio di una colonizzazione che pose la parola fine all’egemonia Twaregh nel Sahara Centrale e alla loro politica di controllo sulle carovane commerciali. Le scorte armate dei coloniali seguivano le grandi rotte commerciali in tutto il Sahara, gli Imazighen persero il loro predominio sociale e si ritrovarono via via ad essere emarginati, mentre i loro sottoposti crebbero in potere, sia economico che sociale. Ne derivò uno stato di degrado generale e una povertà via via più marcata.

Da guerrieri a mendicanti, i Twaregh videro poi decimate le loro mandrie da ondate di immani siccità. La politica coloniale non si interessava della salvaguardia di un’etnia pericolosa quanto quella Twaregh, specialmente in Niger dove andarono via via scomparendo in un oblio di povertà e miseria, tanto che intere tribù si mossero verso l’Algeria e verso il sud ovest libico spinte dalla disperazione, mentre gli N’Jiaer del Tassili ed i Kel Hoggar non vennero influenzati che marginalmente dalla massiccia colonizzazione. Nel 1917 si assistette all’ingresso sulla scena di Kaocen. Egli, esule in Libia come centinaia di migliaia di suoi compatrioti nigerini, rientrò in Air riuscendo a riunire le tribù della sua confederazione, solitamente in faida tra loro, ma non solo. Egli riuscì, primo tra i Nomadi di tutti i tempi, a far confluire in una unica grande coalizione gran parte delle varie confederazioni Twaregh del Niger.

Dopo le prime scaramucce in Air, la coalizione si spinse a sud, attraverso il Tenerè, e cinse d’assedio Agadez per lungo tempo, stremando la guarnigione Francese, e finendo per essere accolta come liberatori non solo dalla popolazione, ma dallo stesso Sultano Amenokhal dell’Air tempo prima insediato dagli stessi Francesi. L’arrivo dei rinforzi da ovest salvò la guarnigione e disperse le tribù respingendole verso nord menter Agadez veniva decimata per rappresaglia, svuotata di tutti i suoi abitanti costretti a vivere al di fuori delle mura mentre i Francesi depredavano la città. Kaocen ed il Sultano, ormai alleati, trovarono riparo tra i picchi d’Air ma fecero una brutt afine. Il primo fu catturato dai Turchi in Libia e fucilato, Il secondo venne catturato dai Francesi e impiccato. Con la loro fine, le confederazioni tornarono a separarsi e il sogno di libertà del popolo Twaregh sfumò. Con la fine del periodo coloniale nacquero gli attuali confini, chiaramente ancora sotto l’egida della Francia, e pseudo democrazie furono consegnate a etnie melanoderme, nemici atavici dei nomadi di pelle bianca del Sahara. L’isolamento aumentò e la siccità fece il resto, decimando come mosche i nomadi nigerini tra il 1983 ed il 1986. continua "La storia Twaregh" (Pubblicato il 13 gennaio 2004) - Letture Totali 4 volte - Torna indietro



Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Niger: tutti gli articoli/racconti Niger: tutti gli articoli/racconti
Alì, tarqui di Agadez Alì, tarqui di Agadez. Emozioni e Itinerari di un uomo a spasso per il Sahara, di Roberto "Robo Gabr'aoun"...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Alì, tarqui di Agadez su Twitter
Twaregh: la suddivisione in caste... Twaregh: la suddivisione in caste.... Breve saggio sulla società Twaregh del Sahara di Niger, Algeria e Libia, di Robo Gabr'Aoun...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Twaregh: la suddivisione in caste... su Twitter
La donna Twaregh La donna Twaregh. Breve saggio sul ruolo della donna tra i Twaregh del Sahara di Libria, Niger e Algeria di ...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi La donna Twaregh su Twitter

Questo contributo e' frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprieta' Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...