Alla scoperta della selva


Inserito il: 04/05/2005 da Giorgio d'Ambrosio
Email: giorgiokuk@libero.it
Sito web:
Letto 2043 volte

 Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire

Due piante sono usate per le loro doti allucinogene: il guanto e l'hayahuasca. Vengono consumati in infuso, oppure fatti esiccare e fumati con tabacco. La hayahuasca è estremamente più forte, e provoca allucinazioni, dopo una fase di vomito catartica, per circa tre giorni. L'uso non ha una funzione prettamente rituale, ma serve a scacciare il 'diavolo' e gli spiriti malvagi, portatori di malanni, dal corpo. Ha quindi funzione medicinale.

Mariano, lo sciamano, mi ha raccontato in un castellano appena comprensibile, la sua ultima esperienza con l'hayahuasca. Si sentiva a tratti culebra (serpente) e a sprazzi nuovamente uomo, con tutto il corpo però percorso di serpenti. Aveva anche la lingua biforcuta, ed una sensazione a metà tra la paura, quando era uomo, e il piacere, la naturalezza, quando era serpente.

Altre piante forniscono frutti, da cui si spremono i semi, il cui succo viene usato per dipingere, soprattutto il corpo. Semi di piante dai frutti spinosi, forniscono il colore rosso. Pietre fangose e argillose danna la tinta ocra e talvolta azzurra. Un'altra pianta produce un inchiostro nero, usato per tatuaggi sul viso e sulle guance. In generale i disegni usati per dipingere il corpo sono geometrici.

La foresta fornisce anche il 'pene vegetale'. La pianta è così soprannominata per la liana che produce, la cui parte terminale, tagliata, oltre ad avere una forma che ricorda un pene, viene usata in infuso, con altre foglie, come corroborante energetico e come afrodisiaco maschile. E' detto anche il viagra della foresta. Analoga funzione hanno per le donne dei piccoli arbusti, dalle foglie simili ad alghe.

La foresta primaria offre all'uomo anche la possibilità di pesca (piccoli pesci). In ogni caso i fiumi sono più cammini da percorrere in piroga, che fonte di sostentamento. Scarsa invece è la possibilità di caccia, effettuata con cerbottana e steli ricavati dal legno.

Altro albero è la balsa, morbido e di facile incisione, per statue e piccoli oggetti. Un'altra palma fornisce invece il legno più duro della foresta, che si dice avere un cuore d'acciaio, usato per costruire piroghe. Il legno per le capanne abbonda. Il loro tetto viene costruito con foglie di palmeras, la migliore soluzione per la pioggia e l'umidità della selva.

Impressionantissima è la minuscola vita del suolo. Se ci si sofferma, la terra fangosa sembra muoversi e così gli alberi, mossi da una minuscola, incessante vita. Si tratta delle migliaia di insetti: le formiche tagliatrici di foglie, gli insetti foglia, gli insetti-stecco, le migliaia di specie di ragni e tarantole, tutti, rigorosamente, velenosissimi... Analogamente questo è l'habitat ottimale per centinaia di specie di serpenti.

Tutto quello che c'è attorno costituisce un insieme di vita e di morte, dai suoi pericoli e dai suoi rimedi vegetali.

La sera , il cicalare è un rumore continuo, interrotto talvolta da monologhi più forti di grilli e cicale. Uccelli che fischiano, gridano a volte, gracchiare di rane. E' quel rumore naturale, imprescindibile, che non ti fa perdere nel silenzio, seppure per ogni orecchio abituato sia silenzio, tutto ciò...

Ho ancora vivo il ricordo di Mariano, e del rito di purificazione a cui mi ha sottoposto. Percuoteva l'aria con un mazzo di foglie e chiudendo gli occhi misembrava di sentire la foresta animarsi, scossa dal vento. Questo gesto era poi accompagnato da un canto penetrante, da un distillato di radici e dal fumo del tabacco....

Torna indietro

Per Votare/Commentare chiudi questa finestra e clicca Ti stato utile (ti piaciuto) questo contributo? Votalo

I Top LIKE...
Le destinazioni
Viaggi Oceania Viaggi Africa Viaggi Europa Viaggi Nord America Viaggi CentroAmerica Viaggi Caraibi Viaggi SudAmerica Viaggi Asia Viaggi Medio Oriente Clicca sul Continente Viaggi ZONA_ITALIA