Home Destinazioni Destinazioni Mondo Mondo Mondo. Viaggiare Viaggiare Mondo. Viaggiare: Lo Spam. Cos'è e come si combatte Lo Spam. Cos'è e come si combatte

Lo Spam. Cos'è e come si combatte

Articoli di Varia Utilità

Danni per milioni di euro, violazione dei principi di Internet, rischi per il futuro della Rete: ecco cosa sono le mail-promozioni non richieste. Combatterle si può e si deve. Come si fa e a chi rivolgersi...

Lo Spam. Cos'è e come si combatte

Se non avete ingenuamente autorizzato qualche compagnia a divulgare i vostri dati personali, anche voi potete quindi diventare facilmente vittime di un “e-mail spider”, cioè un programma che si insinua appunto come un ragno nella Rete e fa man bassa di indirizzi. L’“harvesting”, letteralmente “raccolta” o “mietitura” automatizzata, alimenta infatti un vero e proprio commercio di anime. Una semplice ricognizione su un qualsiasi motore di ricerca (Google, per esempio) vi condurrà a trafficanti che offrono liste di milioni di indirizzi “freschi” di giornata a prezzi stracciati, bacheche in cui aspiranti spammer vendono o scambiano i contatti di vittime ignare, supermercati dove comprare gli ultimi ritrovati tecnologici per spammare di più e più velocemente.

Costo dell’intera operazione per chi la compie: ridicolo. Danno economico per la comunità della Rete: secondo uno studio della Commissione europea, nel 2001 gli internauti del Vecchio Continente hanno speso 10 milioni di euro di connessione per scaricare spam. Se aggiungiamo il tempo che tutti perdiamo nello scaricare e cancellare la pubblicità scorretta e i costi sostenuti dagli Internet Provider per gestire l’inutile mole di traffico, le cifre sono incalcolabili, con un’aggravante: a pagarle sono i destinatari! E non è finita. “L’effetto più deleterio è la crescente perdita di fiducia nella Rete. Sempre meno persone partecipano alle liste di discussione, per paura che il proprio indirizzo cada in mani sbagliate, mentre compagnie oneste si fanno scrupoli a comunicare via Internet con i propri clienti, temendo di essere annoverate tra gli scocciatori”. Una situazione destinata a esacerbarsi: non solo l’immondizia virtuale è in continuo aumento, infatti, ma dalla posta elettronica e dalle liste di discussione l’epidemia si sta propagando anche agli Sms.

Un capitolo a parte meritano gli Hoax, letteralmente "bufale". E' una tipologia di Spam che ha il solo scopo di diffondere un messaggio e quindi creare, a danno di chi crede nella veridicità dello stesso messaggio, una reazione a catena di spedizioni ad amici, parenti e conoscenti, senza però avere come scopo il lucro che contraddistingue invece le tipologie più classiche, creando spesso un traffico telematico abbondante tale da congestionare molti server di posta elettronica. In aggiunta, premendo sulla celerità nell'inoltrare immediatamente il messaggio o sull'incapacità del destinatario di gestire più indirizzi di posta elettronica, i messaggi diventano un incomprensibile "ricettacolo" di indirizzi E-Mail che vengono inclusi ad ogni spedizione, visualizzando "in chiaro" ogni mittente ed ogni passaggio di inoltro, trascurando le più semplici norme di buona educazione, privacy e sicurezza.

Si definisce con il termine hoax tutte le "burle" o "bufale" ricevute via E-Mail; spesso fanno leva sulla credulità del ricevente, e chiedono di avvisare quanti più amici e conoscenti dell'accaduto, sfruttando allarmismi inutili o storie drammatiche inventate o realmente accadute, senza che comunque l'invio ad amici o conoscenti possa in alcun modo migliorare la situazione. Alcune di queste E-Mail sono ancora in circolazione dopo anni dalla loro creazione, subendo modifiche di anno in anno. Riconoscere un hoax è abbastanza semplice in quanto il meccanismo di "convincimento" è pressochè medesimo: si chiede sempre di inoltrare l'E-Mail ricevuta a più persone possibili, citando sempre fonti autorevolissime o aziende di fama mondiale. Interrompere questa catena di spedizioni e "forward" oltre che ad un gesto di civiltà è anche in molti casi segno di vero rispetto nei confronti dei protagonisti delle storie citate: molti nomi ed indirizzi E-Mail sono veri, e vivono subbissati da fax, E-Mail e telefonate di supporto, senza che siano in alcun modo legati all'accaduto.

Gli hoax si possono categorizzare in: Hoax virus, relativi a presunti ed inesistenti virus, allarmando una diffusione di infezione velocissima, impotenza degli antivirus attuali e fonti della notizia come rinomate aziende produttrici di software. A volte chiedono di controllare la presenza di un determinato file sul computer, e di eliminarlo perchè è un file infetto: tale pratica ovviamente compromette il buon funzionamento del computer; Hoax umanitari, bufale telematiche che utilizzano storie drammatiche di persone gravemente malate che cercano disperatamente un medico capace di curare la loro malattia, o una petizione per salvare persone dalla pena di morte o da situazioni particolarmente disagiate (sappiate che non esite nessun programma capace di "tracciare" quante persone possano aver aderito ad una petizione del genere, quindi non è possibile raccogliere queste "pseudo-adesioni"; da qui si evince l'inutilità dell'hoax; Hoax allarmistici, burle che fanno leva sulla presunta nocività di prodotti di largo consumo o comportamenti scorretti da parte di grosse multinazionali); Hoax "passa-parola", sulla stessa scia dei precedenti, questo tipo di hoax cerca di farsi rispedire dal destinatario utilizzando offerte vantaggiose quanto paradossali, come ad esempio che una famosa azienda produttrice di cellulari regala il loro modello di punta a chi spedisce questo messaggio a più persone. (questi hoax, per quanto ad un occhio attento ed informato possano sembrare semplicemente ridicoli, sono quelli che hanno una maggiore diffusione capillare sulla rete); Catene di Sant'Antonio, non differiscono molto dagli hoax, sono prevalentemente delle poesie, messaggi o immagini "portafortuna" che augurano una vita migliore, e che chiedono di rispedire questo "gentile pensiero" a tutti i vostri conoscenti ed amici.

Prime regole per combattere lo spam

1 Non divulgare i tuoi dati sul Web e controlla sempre la policy sulla privacy quando ti iscrivi a newsletter e mailing list.
2 Consulta i siti degli spamfighters per imparare a proteggere la tua casella di posta elettronica con le tecniche più efficaci e gli ultimi software.
3 Usa filtri per difendere la tua casella dagli attacchi. Eppo tieniti sempre aggiornato sugli ultimi sistemi.
4 Non fare girare allarmi e petizioni senza averne appurato la veridicità. Le e-mail a catena sono uno dei trucchi con cui lo spammer si procura gli indirizzi.
5 Non rispondere mai ai “remove”, servono solo per confermare allo spammer l’esistenza dell’indirizzo.
6 Non accettare mai le offerte di chi fa spam. Oltre a cadere quasi sicuramente in una bufala, non faresti altro che incentivare questa pratica.
7 Non fare “mail-bombing” per ritorsione. Se la tentazione di tempestare il mittente con una raffica di lettere piene di insulti è comprensibile, così facendo confermi che il tuo indirizzo è attivo e rischi per giunta di passare dalla parte del torto.
8 Impara a individuare il percorso delle e-mail in modo da risalire al colpevole. Anche se spesso il mittente si nasconde dietro un indirizzo inesistente, con un po’ di pazienza è possibile rintracciarlo. Sui siti degli “spammazzatori” trovi guide e tutorial.
9 Ricordati di denunciare sempre lo spammer al suo provider. Oltre a creare problemi al nemico, che si vede revocare spazio e connettività ed è costretto a cercarli altrove, le tue proteste a sensibilizzare chi di dovere ad adottare regole severe contro chi spreca le risorse di tutti.
10 Fai ricorso al garante della privacy quando ci sono gli estremi per procedere.


"Uccidiamo" gli spammer
Un utilissimo manuale - tra l'altro di semplice comprensione - per l’autodifesa dagli abusi della Rete, dallo spam via e-mail a quello dei newsgroup, alle catene di Sant’Antonio, con casi pratici e dritte. Consigli anche per i provider e per chi voglia fare pubblicità usando Internet in modo corretto. www.collinelli.net

Strumenti utili per combattere lo spam
Sam Spade. Con il nome del famoso investigatore del romanzo giallo Il falcone maltesedi Dashiel Hammett, questo programma analizza il percorso del messaggio ricevuto e permette di risalire allo spammatore, anche quando quest’ultimo cerca di depistare le indagini. Gratis al sito http://samspade.org/.

Notizie aggiornate in tempo reale. Nato da un gruppo di cybernauti esasperati dal problema, è una tappa obbligata per chi si avvicina all’argomento: linguaggio semplice, tante notizie e una preziosa newsletter per essere sempre aggiornati. www.nospamware.it

Lo "spammazzo". Nella “succursale” italiana dell’attivissimo sito americano http://spam.abuse.net, si trovano consigli, approfondimenti e “Spammazzo”, un programma da scaricare (gratuitamente) il cui nome si spiega da sé! www.fighters4web.com (Pubblicato il 19 gennaio 2004) - Letture Totali 153 volte - Torna indietro

1 Commenti - Voti : 1 Media :   Commenti Leggi i commenti...

Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Mondo. Viaggiare: tutti gli articoli/racconti Mondo. Viaggiare: tutti gli articoli/racconti
Biglietto solo andata Biglietto solo andata. Con questo articolo voglio darvi dei consigli, condividere con tutti paure, ansie, preoccu...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Biglietto solo andata su Twitter
Il giro del Mondo in 80 soldi Il giro del Mondo in 80 soldi. Consigli su come viaggiare low cost per risparmiare (anche un bel po’) sul vostro viaggio,...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Il giro del Mondo in 80 soldi su Twitter
Fotografare nei paesi in via di sviluppo Fotografare nei paesi in via di sviluppo. Fotografare nei paesi in via di sviluppo: Responsabilità e Sensibilità, di Raffaella Milan...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Fotografare nei paesi in via di sviluppo su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella