Home Destinazioni Destinazioni Africa Africa Algeria Algeria Algeria: Trekking sul Tassili Trekking sul Tassili

Trekking sul Tassili

Racconti e Articoli di Viaggio

Racconto di un affascinante viaggio a piedi attraverso il Sahara del Tassili, Algeria, di Annuska Grisendi - Inviato il 20 febbraio 2004 da Annuska Grisendi.

Trekking sul Tassili

A Fiumicino incontro i miei compagni di viaggio: Ezio, Fiorenzo, Eugenio, Dario e Raffaella, sua moglie, Anna e Maria Grazia, sorelle, benché assai diverse nell'aspetto e nel temperamento. Basta poco per accorgermi che sono persone che hanno già "incontrato" il deserto e che lo amano tanto da volerci ritornare. Le premesse non potrebbero essere migliori.

L'aereo è quasi in orario e ad Algeri troviamo, puntuale come sempre Hafid, che ci accompagna in albergo. Qui troviamo due giornalisti italiani che l'indomani partiranno per Tinduf. Ceniamo con loro: sono simpatici e contribuiscono a rendere ancora più allegra la cena, che già risente dell'entusiasmo che accompagna l'inizio di un viaggio che ha il sapore dell'avventura. E per me è doppiamente avventura perché mi trovo per la prima volta con l'intera responsabilità della gestione di un gruppo, che per di più ha delle aspettative qualificate che non meritano di essere deluse.

Anche l'aereo per Djanet parte quasi puntuale e nella tarda mattinata siamo a destinazione. Sidi e Elkher, elegantissimo nella sua gandura blu col shesh giallo, ci attendono all'aeroporto, ma per un attimo non ci riconosciamo. Ho i capelli molto più lunghi dell'ultima volta che ci siamo visti, e lui ha il viso quasi completamente coperto dal shesh, ma riconosco il suono della sua voce che mi chiama.



E' una gioia ritrovarsi e salutarsi. Subito dopo facciamo conoscenza con Ahmed e Aziz, il secondo autista e il cuoco che ci accompagneranno sul Tassili, e finalmente noto la presenza, insolita, di numerose donne in abiti colorati ed elegantissimi. Evidentemente attendono qualche personaggio importante. Poco dopo si alza il loro grido stridulo, lo stesso che risuona in modo ossessivo e inquietante in una scena notturna di "Ultimo the nel deserto" anche se ora ha un tono festoso. Le donne si assiepano sulla porta d'ingresso, da cui entra una figura completamente velata di nero.

"E' una sposa" dice Elkher.

Recuperati i bagagli, saliamo sui Toyota e ci dirigiamo verso Terarart. "Les vaches qui pleurent" costituiscono la nostra prima, immancabile, meta. Come sempre, mi stupiscono per la loro estrema eleganza e modernità. Come le grandi opere d'arte, ogni volta che le si guarda svelano qualche loro segreto, non finiscono mai di parlare a chi le osserva con amore e col desiderio di entrare nel segreto della loro anima vecchia di secoli o millenni. Poi si va verso l'erg Admer, alla ricerca dei gassi che si insinuano fra le curve morbide delle dune color cipria.

Un particolare insolito attrae la mia attenzione: un velo di polvere nera si addensa qua e là sulle dune nei punti più esposti al vento. Chissà da quali lontane rocce arenariche proviene quella sabbia. Ci insabbiamo per la prima volta: la macchina di Ahmed non riesce ad uscire da una conca. Intanto che lui e Elkher ci provano, ci incamminiamo a piedi sulle dune, poi, appena ci raggiungono, risaliamo in auto e dirigiamo velocemente verso Timras di cui si vedono già in lontananza le torri di arenaria che si innalzano su cumuli di sfasciumi a forma coni dal vertice mozzato.



Il contrasto fra il colore scuro delle rocce e la morbida tinta dorata della sabbia dà al paesaggio un tocco di magica irrealtà. Il cielo è solcato da striature di nubi bianchissime, che gli conferiscono un'insolita profondità. E' raro vedere in Sahara un cielo così mosso, così ne assaporo a fondo la bellezza e desidero che si fissi nella memoria con lo splendore di una gemma rara.

Ci addentriamo seguendo un percorso che ora si restringe, ora si allarga in vasti spiazzi sabbiosi, chiusi da cortine di rocce dalle forme mutevoli che sembrano fare da argine alla tentazione dell'anima di smarrirsi nell'infinito. A Tillilene scendiamo e procediamo a piedi: si ha bisogno di un contatto più intimo con questo paesaggio forte, che tanto travalica i limiti umani. Camminare sulla sabbia coi piedi nudi regala la sensazione esaltante di farne parte.

I Toyota ci sorpassano e si fermano sull'alto di una duna. Elkher, che è un ballerino, alza il volume del mangianastri e si mette a ballare, subito imitato da Aziz. Li raggiungo velocemente e mi unisco a loro, felice di ritrovarmi in questa dimensione, in cui sento tutto il mio essere espandersi in libertà, con uno slancio mai conosciuto, protetta dall'amicizia di questi uomini dal sorriso aperto e dagli occhi luminosi e acuti. Raggiungiamo Tikobaouin al tramonto: i profili delle rocce sono ora più morbidi e rotondi, i colori più pastosi. Con gli occhi cerco il profilo della roccia che si protende e si inarca sul terreno come un'enorme proboscide di elefante.

Elkher me la indica, e seguendo la direzione facciamo una breve escursione nei dintorni fino a salire sul massiccio da cui si domina l'avvallamento sabbioso disseminato qua e là di rocce isolate che attraverseremo l'indomani. La sera scende, spegne i colori, attenua il contrasto luce-ombra e il paesaggio pare sospeso per un attimo nella tensione di un'attesa. Durante la discesa scopriamo fra la sabbia due boccioli di ahléwan (Cistanche Phelypea), simili a due grosse spighe di grano ancora chiuse. Uno ha da poco bucato la crosta della sabbia. Appaiono così teneri sullo sfondo di questo paesaggio arido... ma insieme danno idea di una indomabile vitalità.



Torniamo al campo che è quasi buio. Dietro le rocce alle nostre spalle si sta già diffondendo la luce bianca e fredda della luna, sopra di noi uno stellato che gli occhi non si stancherebbero mai di guardare. Ho scelto per accamparci un avvallamento stretto fra una duna e le rocce che pare una culla, ma il vento che si insinua e la duna - che raffredda velocemente - producono ben presto una sensazione di freddo. Durerà per tutta la notte, acuita dal biancore lunare che ha invaso tutto il deserto.

Al mattino, iniziamo procedendo a piedi finché non ci raggiungono i Toyota, poi ci immettiamo sulla strada per Illizi per abbandonarla all'altezza dell'oued Essendilen, vasto all'inizio, col fondo cosparso di cespugli, acacie e tamerici, e delimitato ai fianchi da torrioni rocciosi del tutto simili a quelli di Timras, ma dalle tinte più morbide. Oltrepassiamo alcune tende di nomadi twaregh e un branco di cammelli che non si lasciano avvicinare.

Il fondo dell'oued si restringe a poco a poco e la vegetazione s'infoltisce finchè alte pareti di roccia non chiudono la spianata e compaiono le palme e gli oleandri. Siamo vicini alla guelta, famosa per la sua bellezza e perché è il teatro dell'episodio finale del romanzo "Incontro a Essendilen" di R. Frison Roche, un alpinista francese che, stregato dal deserto, ha lasciato le Alpi per le montagne dell'Hoggar e dell'Assekrem. Per raggiungere la guelta incastonata fra rocce strapiombanti percorriamo uno stretto canyon aprendoci quasi la strada fra la fitta vegetazione.

Da quasi due anni non piove a Djanet, ma qui deve essere piovuto di recente: in qualche anfratto il terreno è melmoso e quando arriviamo alla guelta vedo sulle rocce che circondano il minuscolo laghetto ciuffi verdissimi di una pianta che assomiglia al capelvenere. In gennaio non c'erano. Si riflettono dentro l'acqua immobile e paiono animarla e rimango stupita dell'aspetto ridente e vivo che questi ciuffi regalano alla piccola conca, solo due mesi prima "fredda" nonostante la presenza dell'acqua e della vegetazione. Anche i miei compagni di viaggio rimangono affascinati. Eugenio indugia a lungo vicino al laghetto, per schizzare il paesaggio sul blocco da disegno che porta sempre con sé. continua "Trekking sul Tassili" (Pubblicato il 20 febbraio 2004) - Letture Totali 174 volte - Torna indietro



Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Algeria: tutti gli articoli/racconti Algeria: tutti gli articoli/racconti
Dal Tassili N’Ajjer al Tassili tan Ahaggar Dal Tassili N’Ajjer al Tassili tan Ahaggar. Itinerario ed emozioni purissime in 4x4 nel Tassili, Sahara dell’Algeria, di Annuska Grise...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Dal Tassili N’Ajjer al Tassili tan Ahaggar su Twitter
Hoggar Hoggar. Diario e racconto di un viaggio per i luoghi più e meno conosciuti e affascinanti dell'Hog...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Hoggar su Twitter
Oltre il Sahara Oltre il Sahara. Il lungo racconto di un viaggio avventura con una normale auto attraverso il Sahara di Tun...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Oltre il Sahara su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella