Home Destinazioni Destinazioni Asia Asia Indonesia. Bali Bali Indonesia. Bali: Bali: inizio di un amore Bali: inizio di un amore

Bali: inizio di un amore

Racconti e Articoli di Viaggio

Racconto di un viaggio a Bali, di Goreng

Bali: inizio di un amore

Correva l'anno 1989 ed era un freddo (forse, non ne sono sicuro) gennaio quando il mio "fratello centauro" Danilo (compagno di tante scorribande in moto) ed io ci incontrammo una sera per prendere la fatidica decisione annuale: Dove andiamo quest'anno? Decisione molto dura perchè, con enorme sacrificio di olio e gomme,anno dopo anno, l'Europa era stata bruciata quasi tutta, da Jerez de la frontera in Spagna ad Inverness in Scozia, dalla francese Brest alla austroungarica Vienna.

"Mancherebbe Capo Nord" dico io, "però è così scontato per un motociclista incallito.Poi, sinceramente, di rischiare di prendere altra acqua..."

Fu allora che a quel "bastardone" (detto in senso fraterno) di Danilo, venne in mente l'idea destinata a cambiare la mia vita...
"Ti ricordi dove sono stato io nel 1985?"
"Sì, mi sembra in Indonesia" dico ingenuamente.
"Appunto... a Bali"



Ed inizia una lunga opera di convincimento che si protrarrà per vari giorni col risultato che potete ben immaginare. Devo confessare che sono sempre stato affascinato dall'oriente e, sin da piccolo, forse un segno premonitore, mi chiamavano "il coreano" (erano gli anni della guerra tra le due Coree) a causa dei miei occhi stranamente a mandorla (con l'unico "difetto" di essere azzurri). Già in quei tempi avevo letto molti libri sull'argomento, ma la passione per le moto l'aveva poi avuta sempre vinta.

Un giorno di Luglio, verso il venti, la partenza per la grande avventura con un volo Garuda. Ventiquattro ore dopo tra voli ed attese di coincidenze, eravamo a Denpasar, nella mitica Bali, l'isola degli dei. Wow! L'aeroporto allora era molto più piccolo di quello di adesso. C'erano molti meno turisti in attesa per il visto di ingresso e le procedure furono veloci. L'uscita.... mi ricorderò sempre la vampata di caldo che mi avvolse una volta fuori e l'incredibile miscela di odori, di aromi, di profumi.... di oriente. Anche adesso, tutte le volte che arrivo, mi assalgono le stesse senzazioni. Mi viene da sorridere pensando a quel luglio ormai lontano ed è come se fosse sempre la prima volta.

Ora, chi c'è stato in questi ultimi anni lo sa, appena usciti si è accolti da una massa vociante di persone che offrono vari servizi: taxi, auto private, camere, hotel. Allora era già la stessa cosa, ma molto più in piccolo. I taxi erano pochi e vi era una quantità di bemo. I bemo non erano quei pulmini giapponesi che adesso portano lo stesso nome, ma semplici Ape Piaggio con due panche nel cassoncino. Erano il mezzo di trasporto pubblico più comune a Bali. Contrattiamo con il primo che incontriamo e chiediamo di andare nell'hotel dove era stato Danilo 4 anni prima.



Se ci fosse stato ancora, no problem, solo che... era stato abbattuto per fare posto ad uno più grande. La prima lezione che ho imparato appena arrivato a Bali: mai dare per scontato qualcosa un anno per l'altro. E' impressionante la velocità che hanno su quest'isola per fare e disfare le cose. Complice l'assenza di un piano regolatore, e con l'unico limite di non superare in altezza le palme,i balinesi sono maestri nel riempire spazi liberi con costruzioni nuove. Ma di questo parlerò dopo. Chiediamo di portarci in un albergo decente, del tipo di quello sperimentato da Danilo, e il buon uomo ci porta a Legian in un hotel formato da tanti bungalow caratteristici molto carini, pulito e a buon mercato. Perfetto. Inizia l'avventura.

La prima notte, stanchi dal viaggio ma felici, ci corichiamo e mentre l'amicone russa (si è preso un "tavor" per essere sicuro di dormire) io mi giro e rigiro nel letto con gli occhi sbarrati e le orecchie all'erta. I bungalow balinesi sono belli ma hanno un difetto: le pareti, nella parte superiore e lungo tutto il perimetro, sono aperte. Le mie orecchie non mi tradiscono mai e se sento continui zzzzzzzzzzzz.... zzzzzzzzzzz.... Zanzare.

Anche se la mia provincia confina con il ferrarese, non mi sono mai abituato alle zanzare e poi queste asiatiche sono tremende: piccole, non camion a rimorchio come le nostrane, ma molto più infide. W naturalmente nessuno aveva pensato all'Autan.

La prima notte nel paradiso sarà insonne o quasi, ma in compenso feci conoscenza con due animaletti (oddio,uno è un'animaletto, quell'altro è grosso come un gatto) notturni tipici di quelle latitudini: la cecak (si pronuncia ciecià) ed il tokek (si pronuncia tokè). Sono entrambi gechi solo che la cecak è piccola più o meno come il nostro geco e si posiziona vicino alle fonti di luce in attesa di ghermire qualche ferrar...ehm scusate...zanzara, l'altro è molto più grosso ed è pure difficile da vederlo. In compenso è molto facile sentirlo quando lancia il suo richiamo. Prima emette una serie velocissima di tac tac tac tac (come una dentiera che sbatta velocemente) e poi una serie di "ragli" tipo eh oohh, eh oohh in volume decrescente. Solitamente le ripetizioni sono meno di sette. Si narra che, se supera gli otto versi, l'indomani accade qualcosa di piacevole al fortunato che lo sente. continua "Bali: inizio di un amore" (Pubblicato il 10 gennaio 2004) - Letture Totali 95 volte - Torna indietro

0 Commenti - Voti : 1 Media :   Commenti

Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Indonesia. Bali: tutti gli articoli/racconti Indonesia. Bali: tutti gli articoli/racconti
Bali - settima e ultima puntata Bali - settima e ultima puntata. Settima e ultima parte del capitolo su Bali, in origine compreso nel testo di "Australiand...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Bali - settima e ultima puntata su Twitter
Bali - sesta puntata Bali - sesta puntata. Quinta parte del capitolo su Bali, in origine compreso nel testo di "Australiando", di Cla...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Bali - sesta puntata su Twitter
Bali - quinta puntata Bali - quinta puntata. Quinta parte del capitolo su Bali, in origine compreso nel testo di "Australiando", di Cla...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Bali - quinta puntata su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella