Home Racconti, Articoli, Diari, Reportage di Viaggi Racconti, Articoli, Diari, Reportage di Viaggi Cornovaglia, l'Inghilterra che non ti aspetti Cornovaglia, l'Inghilterra che non ti aspetti

Cornovaglia, l'Inghilterra che non ti aspetti


Inserito il: 27/11/2009 da Alberto Gregori
Email: albertogregori72@yahoo.it
Sito web: http://digilander.libero.it/albertoviaggi
Letto 10814 volte

 Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire

Al nostro arrivo, una volta mostrata la camera, i proprietari ci fanno accomodare in giardino e ci offrono tè con biscotti, che tra l’altro può essere preparato in qualsiasi momento visto che tutte le camere dispongono degli accessori per preparare tè, caffè, cioccolata. Prima di cena facciamo una passeggiata per Salisbury, deliziosa cittadina con un’atmosfera tipicamente inglese, unita a monumenti ed edifici veramente notevoli. L’attrattiva principale è rappresentata dalla favolosa Cathedral, una delle più belle ed interessanti del Regno unito. All’esterno ciò che colpisce è la magnifica guglia, la più alta d’Inghilterra con i suoi 123 metri. L’interno è sontuoso e solenne con la navata centrale lunga 70 metri. Da qui si accede al bel chiosco e alla Chapter House, che conserva la copia originale meglio conservata della Magna Charta. Sempre all’interno si può osservare l’orologio funzionante più antico del mondo (1386), anche se sembra tutto tranne che un orologio. La parte che colpisce di più delle Chiese britanniche è a mio parere il coro, caratterizzato dai piccoli lumicini perennemente accesi.

La Cattedrale è unita da un bel parco al Close, terreno cintato intorno alla Cattedrale. Il Close di Salisbury è considerato il più bello d’Inghilterra, con edifici medioevali disposti a schiera. Il centro è caratterizzato da belle vie pedonali in cui il sabato si tiene il mercato e prendono il nome dai prodotti che si vendevano nell’antichità, come Fish Row o Silver Street, e conducono alla bella piazza di Market Square. La mattina seguente inizia con la classica colazione inglese, davvero sontuosa: il “Full English Breakfast” consiste in un grande piatto composto solitamente da uova, salsiccia, bacon, pomodori grigliati, funghi, unito a succhi di frutta, toast, marmellate spesso fatte in casa, tè, caffè, frutta fresca e sciroppata. Un ottimo modo per iniziare la giornata col piede giusto e per risparmiare, visto che il pranzo diventa un superfluo. Oggi ci aspetta il trasferimento più lungo: 350 km per raggiungere la Cornovaglia. Apochi km da Salisbury, prima sosta a: Stonehenge, forse il più famoso sito preistorico d’Europa, tappa obbligata dei tour in Inghilterra, ed è per questo motivo che la visita andrebbe programmata o all’apertura (ore 9), o meglio ancora al tramonto, momento in cui la luce del sole crea quasi un effetto magico con le enormi pietre.

Il sito risale a 5000 anni fa; si tratta di più cerchi composti da enormi monoliti verticali che nel passato aveva probabilmente lo scopo di rappresentare un calendario astronomico. Infatti, i ferri di cavallo interni sono allineati all’asse del sorgere del sole al solstizio d’estate e del tramonto del sole al solstizio d’inverno. Si è calcolato che i monoliti, pesanti quattro tonnellate, venivano trasportati per circa 30 km da 600 persone: a due pietre verticali allineate veniva posata una pietra orizzontale, fino a formare diversi cerchi a ferro di cavallo. La visita del sito è davvero affascinante, un luogo davvero mistico. Proseguiamo e facciamo tappa a STOURHEAD GARDEN, magnifici giardini visitabili percorrendo un percorso di 3 km che si snoda attorno ad un lago, in una vallata caratterizzata da bellissimi paesaggi, piante rare e piccoli tempietti decorati. Una passeggiata davvero piacevole e rilassante in questo immenso parco, forse tra i più belli del mondo. Al termine si può visitare anche la residenza in stile palladiano.

Proseguiamo verso il sud-ovest dell’Inghilterra percorrendo la A30, strada a due carreggiate per senso di marcia che spesso diventa ad una sola corsia, creando non pochi ingorghi per chi si dirige verso la parte più trafficata: il sabato mattina verso sud, la domenica pomeriggio verso nord. Per fortuna noi la percorriamo di domenica verso sud, e ci limitiamo a vedere le lunghe file dalla parte opposta!!!

A metà percorso facciamo una deviazione per percorrere un tratto del Dartmoor NP, una lunga distesa di colline dai paesaggi verdi e rilassanti. Percorriamo alcune strade assurde, dove se non avessi avuto il gps avrei pensato di essermi perso chissà dove. E invece sbuchiamo proprio di fronte alla nostra meta: il CASTLE DROGO. Ci fermiamo per un piacevole pranzo a picnic sdraiati in mezzo ai prati delle colline che circondano il castello. L’esterno, tutto in pietra, non colpisce più di tanto, molto meglio gli interni, perfettamente arredati con mobili d’epoca. Anche il paesaggio esterno è davvero gradevole, distese verdi disabitate senza confini, solo piccoli sperduti villaggi. Rientriamo quindi sulla A30 fino ad arrivare a Penzance, una delle località più conosciute della Cornovaglia, meta principale del nostro viaggio.     continua "Cornovaglia, l'Inghilterra che non ti aspetti "

Torna indietro

Per Votare/Commentare chiudi questa finestra e clicca Ti stato utile (ti piaciuto) questo contributo? Votalo

I Top LIKE...
Le destinazioni
Viaggi Oceania Viaggi Africa Viaggi Europa Viaggi Nord America Viaggi CentroAmerica Viaggi Caraibi Viaggi SudAmerica Viaggi Asia Viaggi Medio Oriente Clicca sul Continente Viaggi ZONA_ITALIA